Visita specialistica ambulatoriale con indagini strumentali.

Test di funzionalità respiratoria

Test di broncoreversibilità

Capacità di diffusione del CO (DLCO)

Saturimetria notturna

Test del cammino

Spirometria globale
ROCC resistenze vie aeree

Monitoraggio cardiorespiratorio notturno

Le malattie respiratorie acute (da causa infettiva, ad es.: bronchiti, bronchiectasie, broncopolmoniti, pleuriti, infezioni delle prime vie respiratorie, tubercolosi, o di origine vascolare, come l’embolia polmonare) e croniche (ad es.: asma bronchiale, bronchite cronica ostruttiva, enfisema polmonare, malattie interstiziali, come le fibrosi, le malattie autoimmuni sistemiche, ad es.: l’artrite reumatoide, la sclerodermia, ecc., le malattie granulomatose croniche – sarcoidosi, m. di Wegener, vasculiti polmonari, l’insufficienza respiratoria cronica, i disturbi respiratori nel somno (OSAS), le neoplasie polmonari, l’interessamento polmonare secondario alle malattie neuromuscolari SLA, sclerosi multipla, ecc.) devono essere affidate alla competenza e all’esperienza dello specialista pneumologo che procede al corretto inquadramento diagnostico della patologia, utilizzando le migliori metodiche diagnostiche disponibili, imposta il programma terapeutico più idoneo per il paziente, ritagliandolo su misura” in base alle sue caratteristiche clinico funzionali, al suo livello di gravità, alla presenza di altre comorbilità ed all’età, consiglia e gestisce, quando necessario, un programma di riabilitazione respiratoria ambulatoriale che migliora la tolleranza all’esercizio e riduce la dispnea (affanno) che rappresenta il sintomo maggiormente invalidante.

Dott. Mario Del Trecco

Continua a leggere

CONVENZIONI

COMIPA
MUTUASALUS